Il progettista industriale di macchine e impianti industriali deve saper accettare le sfide e cogliere quello che non viene detto o scritto. Deve interpretare dati e specifiche.

I progettisti più capaci, come quelli che ho la fortuna di avere in RK che lavorano con me tutti i giorni, sono persone curiose che già a 14 anni smontavano il motorino, a 18 preferivano stare in officina piuttosto che a casa, a 21 progettavano in CAD 3D qualsiasi componente, godendo del proprio risultato finale di una soddisfazione che lì fa sentire leggeri.

Progettare è un processo fortemente legato alla geometria e al materiale. L’impianto industriale, ad esempio, prenda forma da solo durante la progettazione, tanto che i migliori progettisti fanno sembrare semplice quello che in realtà è molto complesso:cinematismi, forze, precisione, etc.

La progettazione di macchine industriali non è legata alla capacità del progettista nel saper utilizzare abilmente uno strumento CAD 3D (e.g. Inventor o Solidworks) è, invece, la sua personale capacità di intuire le migliori soluzioni per costruire macchine vincenti. Il progettista non vive per il CAD ma con il CAD raggiunge il suo lo scopo, ossia provare la sua creatura (la macchina), prima possibile. In altre parole, è il suo sogno ad occhi aperti che poi diventerà realtà.

Il progettista si diverte. Come un bambino con il suo Lego mette mattoncini su mattoncini, che nel suo caso sono entità elementari come pulegge, cuscinetti e motori. Uno vicino all’altro, questi componenti, vanno a realizzare un nastro o un rullo oppure un meccanismo in grado si spostare spostare un oggetto, tagliarlo, imbustarlo, pallettizzarlo, etc. ripetutamente, velocemente, magari in automatico e per anni. Nel gioco costruttivo, si appoggia a vari fornitori, cerca il feeling, cerca il prolungamento della propria capacità e la trova solo in certi, ad esempio la Romani Components nella montagne di mattoncini aiuta a far emergere quelli migliori sui guide, riduttori, viti, etc.

Questo sono i progettisti che conosco, questo è l’identikit del progettista che appartiene al team di RK.

DETTO QUESTO

Se sei già nostro cliente sappi che la tua macchine è stata progettata così ed è nata da queste emozioni.

Se invece sei un progettista e ti ritrovi in questa descrizione, sappi che in RK c’è un team affiatato pronto ad accettare nuove sfide. Manda il tuo CV a info@rkmacchine.com .

UN NOSTRO IMPIANTO